Logo SDA Bocconi

Promosso da

SDA Bocconi

https://www.sdabocconi.it/

Fondata nel 1971, SDA Bocconi School of Management è la migliore business school internazionale in Italia.

L’offerta comprende il Full-Time MBA per sviluppare capacità manageriali a tutto tondo; l’Executive MBA (EMBA), nei formati EMBA Modular (a Milano) ed EMBA Weekend (a Milano e Roma), per potenziare le competenze manageriali senza interrompere la carriera, con lezioni in aula e in distance learning per gestire il proprio tempo in modo efficiente; il Global Executive MBA (GEMBA), organizzato in partnership con la Rotman School of Management della University of Toronto, con la possibilità di seguire alcuni moduli presso istituzioni partner in Europa, Asia e America.

SDA Bocconi ha anche un’ampia offerta di Master specialistici che spazia dalla finanza all’imprenditorialità, dalla pubblica amministrazione alla sanità, dal real estate al marketing, al non-profit, allo sviluppo delle risorse umane, al fashion & design, al food & beverage, al management dell’arte.

La Scuola può vantare inoltre uno dei più ricchi cataloghi di programmi executive, studiati per affinare le capacità manageriali e sviluppare la visione strategica. Ai tradizionali corsi in aula si aggiunge ora la nuova offerta di formazione completamente online, fruibile senza vincoli di spazio e di tempo. E infine il nuovo programma di Executive Career Development, che fornisce a tutti gli iscritti un supporto per un rapido sviluppo della propria carriera.

SDA Bocconi si colloca tra le prime 10 business school al mondo per i programmi su misura, una formazione personalizzata e ad alto impatto, co-progettata ed erogata sulla base delle esigenze e degli obiettivi della singola impresa e istituzione.

SDA Bocconi è anche una delle poche business school che detiene la cosiddetta “triple crown”, tre dei più prestigiosi accreditamenti internazionali: AACSB, EQUIS e AMBA. Ed è l’unica business school italiana ad apparire in tutte le maggiori classifiche internazionali, comprese quelle del Financial Times, di Forbes, di Bloomberg Businessweeke dell’Economist.